Quando in una tabella di Access, tra i cui campi c’è un campo avente come tipo dato Numerazione automatica, si elimina un record, il campo contatore riparte dal numero successivo a quello che è stato eliminato.

Ad esempio, si supponga di avere una semplice tabella con campi Nome Cognome e Id. Il campo Id è il campo Numerazione automatica e chiave primaria, gli altri due campi sono campi testo. Nella Visualizzazione foglio dati della tabella, dopo aver immesso vari record, si provi a eliminare il primo record, il campo Id non ricomincia da 1 ma rimane sempre 2.
Una soluzione a tale problema potrebbe essere quella di eliminare il campo Id nella struttura della tabella, salvare, chiudere, riaprire e inserire di nuovo il campo Id assegnandogli la chiave primaria.

Visualizzando il foglio dati, la numerazione dei record procede con ordine cominciando proprio da 1.
L’esempio riportato è molto semplice ma se ci si trova di fronte a database con numerosi dati e tabelle poste in relazione tra loro se non si desidera correre rischi è conveniente sempre eseguire una copia di buck up del file.

azzerare-contatore-access


Print Friendly

Articoli collegati:

Un Commento a “Azzerare il contatore in Access 2010”

  • Gaetano Consiglio:

    Anche nella versione 2016 rimane sempre lo stesso difetto. Si vede che anche loro non riescono a risolverlo, oppure non è così importante. Io l’ho risolto così:
    1: Aprire il riquadro di spostamento del database
    2: Andare sulla tabella con l’id da sistemare ed aprirne la struttura
    3: Selezionare la riga contenente l’ID e fare Taglia. Verrà eliminata la chiave primaria
    4: Posizionarsi sull’ultima riga e fare Incolla
    5: Se si vuole riportare l’ID alo stesso posto precedente, prima di incollare fare ”Aggiungi nuova riga”
    6: Rimettere la chiave primaria all’ID
    Comunque, il campo ID è un campo puramente figurativo e serve solo per ”ordinare” i records. Se desiderate ordinare delle voci come delle bollette o degli oggetti, inserite un campo numerico indicizzato con le condizioni ”Numero fisso”->”Precisione singola”->”0 decimali”->”Indicizzato”.>”Duplicati non ammessi”. L’unica scocciatura è che bisogna digitare i numeri manualmente.

Lascia un Commento