Internet nasce negli anni ’60, quando un gruppo di ricercatori americani cominciò a realizzare un esperimento collegando tra loro dei computer attraverso la rete telefonica ed utilizzando per questo esperimento i fondi del’ARPA, un’agenzia del dipartimento militare degli Stati Uniti d’America.

Costoro erano convinti che i dati trasmessi potessero essere frammentati in tante piccole parti ciascuna con un proprio indirizzo di destinazione ed inoltre erano convinti di poter smistare i dati senza incorrere in computer o circuiti bloccati.

Questo sistema di comunicazione, che inizialmente fu chiamato Arpanet, venne progettato perchè potesse funzionare in caso di attacco militare sovietico, infatti, non bisogna dimenticare che si era in pieno clima di guerra fredda.

Furono create piccole reti locali (Local Area Network – LAN) in punti strategici del territorio statunitense e collegate tra loro attraverso reti di telecomunicazione geografica (Wide Area Network – WAN). Qualora una città fosse stata distrutta da un attacco nucleare, questa “rete di reti” interconnesse avrebbe garantito le comunicazioni tra le rimanenti città.

La peculiarità di questo sistema di comunicazione era rappresentata dal fatto che i messaggi tra i vari elaboratori non avrebbero dovuto viaggiare necessariamente lungo lo stesso percorso. Per questo motivo, venne adottato il metodo del “packet switching” in cui i singoli messaggi venivano suddivisi in tanti pacchetti più piccoli che poi venivano automaticamente riuniti dall’elaboratore ricevente.

Più tardi, si formarono nuove reti in grado di collegare tra loro università, studi di ricerca, imprese e singoli di tutto il mondo, consentendo agli utenti di qualsiasi degli elaboratori connessi ad una di queste reti di trasmettere messaggi agli utenti di altre reti.

In questo modo, Arpanet si snaturalizzò lasciando il posto ad Internet come oggi lo conosciamo. Nessun singolo ente, università, impresa, governo, istituzione no profit gestisce Internet.

Internet è uno strumento di comunicazione che collega milioni di persone tra loro e consente l’accesso ad una quantità inesauribile di informazioni, annullando ogni distanza.

Al suo successo hanno, indubbiamente, contribuito sia la semplicità di connessione alla rete sia la faciltà di uso degli strumenti frequentemente utilizzati per raggiungere le informazioni in essa collocate, tra cui il World Wide Web (www).


Print Friendly

Articoli collegati:

Lascia un Commento