Per inserire espressioni complesse nel campo Criteri della visualizzazione struttura query è necessario ricorrere al Generatore d’espressioni.

Nella finestra che si apre, nella parte superiore, vi è uno spazio bianco nel quale bisogna digitare l’espressione.

La parte inferiore della finestra, invece, si presenta caratterizzata da tre riquadri.

– Il primo a sinistra contiene l’elenco delle cartelle riguardanti gli oggetti del database, quindi, tabelle, query, maschere, report, funzioni elaborate dall’utente, operatori ed espressioni comuni.

– Il secondo riquadro indica gli elementi relativi all’oggetto selezionato nel primo riquadro.
– Il terzo riquadro fornisce un elenco di valori relativi a ciò che viene selezionato nei riquadri centrale e di sinistra.

generatore-espressioni

Vediamo come procedere per attivare il Generatore d’espressioni.
Nella visualizzazione struttura query, fare clic all’interno della casella Criteri inerente al campo dove si desidera inserire l’espressione e premere il pulsante Generatore, presente nella scheda Progettazione, gruppo Imposta query.

struttura-query

Un altro modo per richiamare il Generatore d’espressioni è quello di far clic con il tasto destro del mouse all’interno della stessa casella Criteri.
Nel primo riquadro a sinistra della finestra Generatore d’espressioni fare doppio clic sulla cartella relativa al’oggetto desiderato.

Nel riquadro centrale, doppio clic sull’elemento interessato affinchè venga riportato nello spazio bianco posto in alto alla finestra, quindi inserire o digitare l’operatore necessario ad eseguire l’espressione.

generatore-espressioni-02

Si prosegue in questo modo per quanto riguarda l’inserimento di altri elementi ed operatori utili al calcolo dell’espressione.
Dopo aver completato l’espressione bisogna ricordarsi di cliccare su Ok.
L’espressione sarà presente nella casella Criteri della visualizzazione struttura query. Se questa posizione già contiene un valore la nuova espressione sostituirà il vecchio valore.


Print Friendly

Articoli collegati:

Lascia un Commento