Anche Gooogle ha il suo browser per collegarsi ad internet; si chiama Google Chrome e negli ultimi tempi ha compiuto passi da gigante. Infatti, secondo gli ultimi dati statistici, rispetto ai primi mesi dell’anno, ha registrato un aumento del 9%.

Nasce nel 2008 inizialmente solo per Windows e viene distribuito, in 43 lingue, in versione beta. L’anno successivo viene distribuito sempre in versione beta ma anche per Linux e Mac. Nel maggio di quest’anno viene rilasciata una versione (5.0) unica per tutte e tre i Sistemi Operativi.

L’ultima versione è la 8.0.552.215
Google Chrome, a detta degli stessi sviluppatori, è un browser affidabile, veloce, sicuro e stabile. Si presenta con un’interfaccia grafica diversa dagli altri browser, privo delle varie barre degli strumenti e privo anche dei vari pulsanti. Gli unici pulsanti sono quelli che permettono di:
– spostarsi avanti e indietro;
– di aggiornare la pagina;
– di ritornare alla pagina inziale, quella impostata dall’utente.
Comune a tutti gli altri browser è la barra degli indirizzi, a destra della quale vi è una stella che consente eventualmente di aggiungere la pagina web ai Preferiti.
Caratteristica principale di Google Chrome sono le schede. Quando si crea una nuova scheda vengono visualizzate le miniature delle otto pagine web più visitate e in basso quelle chiuse di recente.
Sulla barra degli indirizzi, a destra, vi è un pulsante che raffigura una tenaglia, cliccando su di esso compare un elenco che permette di eseguire varie operazioni tra cui, creare:
– una una nuova scheda;
– una nuova finestra (in questo caso viene visualizzata una finestra con dimensioni ridotte);
– una finestra che permette di navigare in incognito, in questo modo le pagine web visitate non vengono registrate nella cronologia di navigazione e non
lasciano traccia sul computer, sotto forma di cookie.
In questo elenco, inoltre, sarà possibile scegliere di compiere comuni operazioni come:
– copia, taglia, incolla;
– trovare parole nella pagina web;
– stampare;
– visualizzare la cronologia;
– verificare i download che sono stati effettuati;
– avere informazioni sulla versione di google chrome;
– utilizzare la guida in linea per approfondire o conoscere tutte le funzioni che offre il browser.
google-chrome
Un attenzione particolare, infine, merita la voce Opzioni, cliccando sulla quale si apre la finestra omonima divisa in tre schede. Nella scheda Impostazioni di base sarà possibile:
– impostare la pagina iniziale, quella che si vuole far comparire quando si apre Google Chrome, per far questo occorre selezionare l’opzione Apri questa pagina;
– scegliere un motore di ricerca predefinito, cliccando sul pulsante Gestisci, dopo aver scelto dall’elenco il motore di ricerca.
All’avvio, invece, sarà possibile anche riaprire le pagine che erano aperte l’ultima volta oppure sarà possibile aprire più pagine contemporaneamente; per far questo, bisogna far clic sull’opzione Apri le seguenti pagine e poi su Aggiungi. Nella finestra che si apre, nella casella in alto, si deve digitare l’URL ossia l’indirizzo della pagina web e premere il pulsante Aggiungi.
Per aggiungere altre pagine web occorre ripetere la stessa procedura.
Nella scheda Impostazioni personali si può chiedere a Google Chrome di memorizzare le password che si digitano, ad esempio, per accedere a facebook oppure alla casella e-mail oppure quelle che si digitano per accedere ai vari portali di lavoro.
Addirittura è possibile visualizzare le password salvate cliccando proprio sul pulsante Mostra password salvate.
Google Chrome offre l’opportunità di compilare automaticamente quei moduli che richiedono il proprio nome e cognome, il proprio indirizzo, la città, la provincia di appartenenza, il numero di telefono, etc. risparmiando tempo prezioso. Per attivare questa possibilità è necessario cliccare su Opzioni di Compilazione automatica.
L’ultima scheda, Roba da smanettoni, è riservata ai più esperti perchè riguarda la privacy e la sicurezza.
Comunque, in questa scheda si possono cancellare i dati di navigazione cliccando sul pulsante omonimo.
google-chrome


Print Friendly

Articoli collegati:

Lascia un Commento