Access è un database relazionale dove due o più tabelle possono essere messe in relazione tra loro.

Perchè ciò accada è necessario che uno dei due campi posti in relazione sia una chiave primaria. I due campi, inoltre, devono avere lo stesso tipo di dato, l’unica eccezione è rappresentata dai tipi di dato contatore e numerico.

Esistono tre tipi di relazioni:

uno a unouno a molti molti a molti

Uno a uno: in questo tipo di relazione, ad un record di una tabella corrisponde un record di un’altra tabella e viceversa. E’ una relazione poco usata.

Uno a molti: in tale relazione, ad un record di una tabella corrispondono più record di un’altra tabella, ma non viceversa. Lo scopo di questa relazione è quello di evitare la sovrabbondanza di dati.

Molti a molti: questa è una relazione fittizia ed è possibile attuarla soltanto grazie alla presenza di una terza tabella detta di congiunzione che possiede due chiavi esterne: una che punta alla chiave primaria di una tabella e l’altra che punta alla chiave primaria di un’altra tabella. Una relazione molti a molti nasce dall’unione di due relazioni uno a molti a una terza tabella.

Nella finestra Modifica relazioni, che si apre facendo doppio clic sulla linea che collega due tabelle, vi sono importanti opzioni da prendere in considerazione per una corretta funzionalità della relazione stessa:

Integrità referenziale

Aggiorna campi correlati a catena

Elimina record correlati a catena.

relazioni-access

L’integrità referenziale serve a garantire la validità di una relazione e ad evitare la modifica e l’eliminazione involontaria di dati.

Se poi si desidera fare in modo che una modifica effettuata nella tabella principale venga automaticamente riportata anche nella tabella correlata si può attivare l’opzione Aggiorna campi correlati a catena.

Invece, se si vuole che l’eliminazione di un record dalla tabella principale elimini tutti i record correlati dalla tabella secondaria si può scegliere la casella Elimina record correlati a catena.

relazioni-access


Print Friendly

Articoli collegati:

Lascia un Commento