Gli Shitstorm, traduzione letterale montagna di letame, sono coloro che si divertono a rubare i gruppi esistenti su Facebook postando a loro volta immagini, frasi o video dai contenuti altamente volgari.

Il numero di questi pseudo ladri è in continua crescita, i furti riguardano gruppi di ogni genere, dal calcio alla gastronomia, dai mercatini dell’usato al cucito. Ma come fanno ad appropriarsi di gruppi altrui? E soprattutto c’è un modo per potersi difendere?

Il metodo per prendersi un gruppo è molto semplice e può essere sintetizzato nei seguenti punti:
– richiesta di iscrizione al gruppo, sotto mentite spoglie, naturalmente, con un profilo creato apposta per l’occasione;
– creazione di un altro profilo con il nome e la foto di uno degli amministratori;
– richiesta ad un altro amministratore di una nuova password adducendo la scusa di non riuscire ad accedere alla pagina del gruppo;
– richiesta, poi, di essere nominati amministratori del gruppo con il nuovo profilo.
Una volta diventati amministratori del gruppo, gli shitstorm provvedono immediatamente a cancellare gli altri amministratori esistenti invitando a far parte del gruppo i loro amici.

Ci si chiede quale sia il senso di un’azione del genere, quale sia il motivo che spinge persone a comportarsi in tal modo.
Un gioco, un passatempo, un diversivo per colmare il vuoto presente nella loro vita? E’ un mistero.
Facebook riceve continuamente segnalazioni relative a furti di gruppi ma in proposito è riuscito a fare ben poco.
In ogni caso, onde prevenire minacce del genere è preferibile che il gruppo abbia sempre un solo amministratore e che siano attentamente controllate le richieste di iscrizione.
Qualora il gruppo abbia più di un amministratore, prima di intraprendere qualunque azione, è opportuno consultarsi. Se ci sono tentativi di furto del gruppo segnalarlo a Facebook.
Le amicizie sospette è bene non accettarle.


Print Friendly

Articoli collegati:

Lascia un Commento