Articoli marcati con tag ‘tabella pivot’

In una tabella pivot, soprattutto quando gli elementi di un campo o di più campi sono tanti, può essere utile comprimerli così da avere a disposizione soltanto quelli che realmente occorrono.

I pulsanti da utilizzare in questo caso si trovano nella scheda Opzioni che compare selezionando una cella della tabella pivot e sono Espandi intero campo e Comprimi intero campo.


Excel offre la possibilità di raggruppare elementi di un campo al fine di facilitare la lettura dei dati di una tabella pivot. Se all’interno della tabella sono presenti delle date queste ultime possono essere raggruppate in MesiTrimestriAnni, etc, dipenderà, quindi, dalle nostre esigenze scegliere il tipo più idoneo di raggruppamento.


Questa volta contrariamente al solito, vi presento il mio nuovo e-book che ha come argomento Excel 2010 con importanti novità rispetto alla precedente versione: la scheda File che sostituisce il pulsante Office, la possibilità di personalizzare la barra multifunzione con l’aggiunta di nuove schede e/o gruppi, i grafici sparkline, il recupero di cartelle di lavoro non salvate e tanto altro ancora.


Nella cartella di lavoro PowerPivot è possibile creare tabelle pivot in maniera da analizzare i dati in dettaglio più efficacemente. Nella scheda Home, sezione Report, si faccia clic su Tabella pivot. Si apre la finestra Crea tabella pivot, nella quale l’opzione Nuovo foglio di lavoro appare già selezionata, quindi si prema direttamente il pulsante OK. Come ci si renderà subito conto, la finestra nella quale si costruirà la tabella pivot non è quella di PowerPivot ma la finestra della cartella di lavoro di Excel.


A differenza di un foglio di lavoro di Excel, nel foglio di lavoro di PowerPivot, non è possibile modificare il contenuto di una cella, e se si seleziona una cella, premendo, poi, il pulsante Canc della tastiera, non viene cancellata soltanto la cella selezionata ma viene eliminata definitivamente la colonna alla quale la cella appartiene.